stampata il :
25/09/2022

 

Castagnacupa-Catinelli, 20 novembre

Allora : é successo che Maurizio aveva organizzato il giro del Cormelano con partenza da sotto Castagnacupa; poi il sabato mattina mi comunica che Bruno ha organizzato un pranzo a Titignano con rispettive famiglie e non vengono a camminare... Fortunatamente io sono molto tollerante con gli amici e capisco tutti e tutto; per cui non li mando a quel paese come dovrei e parto con i partecipanti alla camminata di questa domenica: appuntamento come sempre al solito  parcheggio e andiamo a                       Castagnacupa.Anche oggi ci sono  novità:Stefania,con discendenze acquapalombesi, e Lidia, amica di Laura e Maura, poi  é tornata anche Luisa, Fiorella, Marco,Stefano senza Anna che ha ancora un pò di mal di schiena.Decidiamo con Marcella di fare un giro più facile per vedere anche come stanno messe le nuove camminatrici.Parcheggiamo a Castagnacupa e visitiamo il paese che, come sempre, piace molto a tutti.Facciamo il classico anello che passa sul versante ovest verso la vallata con l'ottima prospettiva sulla Valserra.Riusciamo sulla stradina che a sinistra porta a Cerqueto e a Meggiano ( é quella che si prende per fare il giro del Cormelano); noi però giriamo a destra : é la strada che torna a Castagnacupa, ma prima di arrivare all'incrocio prendiamo a sinistra il sentiero che prima passa tra le marne , poi, entrando nel bosco, esce sul fosso di Pompagnano, dove vedo con stupore che la strada sterrata é stata risistemata con della nuova ghiaia di fondo. Le nuove ragazze vanno abbastanza bene, e cerco di impostare loro una camminata nordic walking più precisa.Lidia fatica un pò però tutto sommato riesce a starci dietro.Stefania ,oltre che una buone camminatrice ,é una buona chiacchieratrice: ha trovato pane per i suoi denti nel gruppo! Arriviamo a Catinelli e ci abbarbichiamo su per il sentierino che porta alla chiesetta. Anche Catinelli é sempre uno spettacolo e ogni volta ci chiediamo chi ha speso tutti quei soldi per ristrutturare quasi tutte le case del paese ( l'idea era farci un resort di lusso ) per poi praticamente abbandonarlo! Mah..... misteri della zona. Visitiamo la chiesetta che é sempre aperta e che ha dei bellissimi affreschi in parte restaurati ; mangiamo, ci riposiamo e facciamo le foto di routine. Ripartiamo passando tra le case del paesino ristrutturato con i cani del pastore ( unico superstite ) che ci abbaiano intorno, tant'é che siamo costretti a legare la mia Nina.Riprendiamo la strada principale fuori dal paese che , prendendola a sinistra , porta a Montebibico, mentre a destra ci riporterà velocemente a Castagnacupa. Il giro é corto , sugli 8 km. con pochissimo dislivello, ma é sempre paesaggisticamente molto bello. Qualcuno é stanco: non sa che cosa gli aspetta in futuro!